UFFICIALE: E’ QUESTO IL BORGO PIÙ BELLO D’ITALIA

Il “Borgo dei borghi” d’Italia è stato eletto nell’edizione 2019 del ‘talent’ omonimo su Rai Tre, una competizione dedicata ai centri più suggestivi d’Italia che ha visto ai nastri di partenza ben 60 sfidanti.  

A vincere è stato Bobbio, piccolo comune in Val Trebbia, in provincia di Piacenza.
La vittoria è stata derivata dalle scelta della giuria popolare con il televoto e dai tre giurati presenti in studio durante la serata finale della trasmissione di Rai Tre, condotta da Camila Raznovich: Philippe Daverio, Margherita Granbassi e Mario Tozzi, il cui voto pesava il 50% sul conteggio totale, hanno infatti espresso la loro preferenza per il piccolo borgo dell’Emilia Romagna.
Affacciata sul fiume Trebbia, la cittadina di Bobbio risente delle influenze delle regioni con cui confina e di cui in passato ha fatto parte (Liguria, Lombardia e Piemonte): sulle colline circostanti si coltivano ancora il nebbiolo e il dolcetto ed i piatti tipici sono di “fusione” con quelli della vicina Liguria. Il paese è ai piedi del Monte Penice a 272 metri di altezza con poco più di 3500 abitanti, che si triplicano nella stagione calda quando la vallata è meta di turismo estivo.
    Il territorio è abitato fin dal neolitico ed è divenuto romano nel 14 a.C. con la successiva nascita del primo nucleo del borgo di Bobium. Ma la storia di Bobbio si identifica soprattutto con quella del monaco missionario irlandese Colombano che vi è morto nel 615 e con il Monastero di San Colombano, da lui fondato nel 614, monumentale aggregazione di edifici tra i quali svetta la facciata della basilica affiancata dall’elegante porticato dell’abbazia, dove hanno sede il museo e il celebre scriptorium.
    L’altro simbolo di Bobbio è il famoso ponte Vecchio, detto anche Gobbo o del Diavolo (per il particolare profilo ondulato e contorto). Un ponte di età romanica con rifacimenti successivi e sovrastrutture barocche, lungo 280 metri con undici arcate diseguali tra loro.
    Bobbio è anche il paese natale del regista Marco Bellocchio, che qui da anni in estate organizza il suo Festival del Cinema.
    “Bellocchio è un altro fiore all’occhiello del nostro paese – conferma Pasquali – e il suo festival a contribuito in modo determinante a fare da traino per il turismo. Ma grandi meriti vanno anche ai nostri commercianti, che mantengono alta la bandiera della tradizione e della tipicità con i loro negozi”.
    Da vedere a Bobbio, paese che in centro mantiene ancora le strade storiche con l’acciottolato, anche la piazza San Francesco, il santuario della Madonna dell’Aiuto (1621) e il monastero di San Francesco, conservatosi nello stile francescano rustico del XIII secolo con chiostro del XV secolo, mentre la chiesa è stata ricostruita in forme barocche all’inizio del Settecento.
(Visited 584 times, 1 visits today)
Precedente ECCO QUALI SONO LE 5 CITTÀ PIÙ INQUINATE D'ITALIA Successivo 5 COSE CHE (FORSE) NON SAPETE SULLA FESTA DI HALLOWEEN