LE ANALISI DEL SANGUE VANNO FATTE A DIGIUNO? ECCO LA RISPOSTA

Un articolo di ANSA Salute & Benessere offre una risposta a questa domanda che si fanno sempre in tanti. 

Le analisi del sangue vanno sempre fatte a digiuno? Ebbene sì, le analisi si dovrebbero fare a digiuno. Non è quindi un falso mito, quello del restare a digiuno prima del prelievo del sangue. “Nelle otto ore precedenti è necessario non mangiare e, inoltre, non si devono assumere alcol, zuccheri o caffè, né si deve fumare”, spiega nell’articolo di ANSA Benessere Maria Luisa Santoro, biologa della Rete ArtemisiaLab e docente Consulcesi Club, che aggiunge: “Prima del prelievo è anche meglio evitare sforzi fisici eccessivi che influenzerebbero gli enzimi localizzati nella muscolatura scheletrica”. Il giorno delle analisi, quindi, niente corsa né allenamenti in palestra.

Ma i prelievi si fanno la mattina non solo per via del digiuno: “Molti esami – continua Santoro – come quelli che coinvolgono gli ormoni e la sideremia, seguono un ritmo circadiano ed è bene eseguirli tra le 7 e le 10 del mattino”. Per quanto riguarda i farmaci, infine, “se non sono indispensabili o salvavita, è meglio assumerli dopo il prelievo. Sarebbe meglio – conclude – segnalare sempre al laboratorio l’assunzione di medicinali, a partire dagli antibiotici”.

(Visited 714 times, 1 visits today)
Precedente 5 COSE CHE (FORSE) NON SAPETE SULLA FESTA DI HALLOWEEN Successivo ECCO LE PAROLE PIÙ CERCATE SU GOOGLE NEL 2019 IN ITALIA